Home NotizieFortnite Mobile Spiegazione del perché Apple e Google hanno rimosso Fortnite Mobile

Spiegazione del perché Apple e Google hanno rimosso Fortnite Mobile

da Sparx
Pubblicato: Ultimo aggiornamento
Spiegazione del perché Apple e Google hanno rimosso Fortnite Mobile 1

Spiegazione del perché Apple e Google hanno rimosso Fortnite Mobile

Fortnite è un gioco gratuito, ma i giocatori sono tenuti a pagare per vari acquisti in-app di armi e skin, ecco la spiegazione del perchè Apple e Google hanno rimosso Fortnite Mobile.

Sia Apple che Google hanno rimosso il popolare gioco Fortnite dai loro app store. La mossa è stata innescata dall’aggiornamento dell’app dello sviluppatore di Fortnite Epic Games che consente agli utenti di avviare acquisti in-app in modo diretto. Sia Apple che Google prendono una quota del 30% dagli acquisti di entrate in-app nei giochi e questo nuovo aggiornamento avrebbe raggirato questa cosa, una violazione delle norme secondo i due giganti della tecnologia.

Fortnite Mobile è un gioco gratuito, ma i giocatori sono tenuti a pagare per vari acquisti in-app di armi e skin. Fortnite Battle Royale, la versione mobile, ottiene oltre 125 milioni di giocatori all’anno, portando centinaia di milioni di dollari di ricavi. Complessivamente, secondo Sensor Tower, Fortnite ha oltre 350 milioni di giocatori in tutto il mondo.

Ma dopo la mossa di Apple e Google, l’app di gioco non è più disponibile per il download su entrambi gli store. Apple è stata la prima ad agire, seguita da Google.

Leggi anche: Come scaricare Fortnite Mobile su Android e iOS? #FreeFortnite

Nonostante la rimozione, Fortnite sarà comunque disponibile su Android , ma non tramite il Play Store. Google ha detto che gli utenti Android potranno installare e giocare a Fortnite da altri app store come l’app Epic Games o il Samsung Galaxy Store sui dispositivi Samsung.

In una dichiarazione ufficiale Google ha dichiarato: “mentre Fortnite rimane disponibile su Android, non possiamo più renderlo disponibile su Play perché viola le nostre norme”. Il gigante della tecnologia ha affermato di accogliere con favore l’opportunità di continuare le discussioni con Epic e riportare Fortnite su Google Play.

Per gli utenti Apple, non sono disponibili opzioni di questo tipo per giocare. Commentando la questione, Apple ha rilasciato una dichiarazione. “Epic Games ha compiuto lo sfortunato passo di violare le linee guida dell’App Store che vengono applicate allo stesso modo a tutti gli sviluppatori e progettate per mantenere il negozio sicuro per i nostri utenti.Di conseguenza, la loro app Fortnite è stata rimossa dallo store.

Epic ha abilitato una funzione nella sua app che non è stata esaminata o approvata da Apple, e lo ha fatto con l’espresso intento di violare le linee guida dell’App Store relative ai pagamenti in-app che si applicano a ogni sviluppatore che vende beni o servizi digitali “.

Apple, tuttavia, ha dichiarato che farà ogni sforzo per collaborare con Epic per risolvere queste violazioni in modo che possano restituire Fortnite all’App Store.

In risposta alla questione, Epic Games invece ha intentato una causa contro Apple e Google definendo le loro pratiche anti-concorrenziali. La causa di Epic contro Google dichiara: “Epic non chiede un risarcimento monetario a questo tribunale per le lesioni che ha subito. Allo stesso modo Epic non cerca un accordo secondario o un trattamento favorevole da parte di Google. Invece, Epic cerca un provvedimento ingiuntivo che mantenga la promessa non mantenuta di Google: un ecosistema Android aperto e competitivo per tutti gli utenti e partecipanti al settore. Tale provvedimento ingiuntivo è estremamente necessario “.

Nel frattempo, Epic ha rilasciato un video di protesta su YouTube e all’interno dell’app Fortnite che prende in giro l’iconica pubblicità di Apple “1984” e chiama i fan dei giochi a #FreeFortnite sostenendo la sua lotta contro Apple.

Il taglio del 30% che le due società tecnologiche si prendono sui ricavi guadagnati nei loro negozi è stato oggetto di contesa anche con alcune altre app. Nel 2019, Spotify si era lamentato con la Commissione Europea del taglio del 30% di Apple. In un post sul blog, il fondatore e CEO di Spotify Daniel Ek aveva spiegato che se pagassero questo 30% “, li costringerebbe a gonfiare artificialmente il prezzo del loro abbonamento Premium ben al di sopra del prezzo di Apple Music. E per mantenere il nostro prezzo competitivo per i nostri clienti, non è qualcosa che possiamo fare ”.

Ha affermato che se rinunciano al sistema di pagamento di Apple, Apple “applica una serie di restrizioni tecniche e limitanti l’esperienza su Spotify. Ad esempio, limitano la nostra comunicazione con i nostri clienti, compreso il nostro raggio d’azione oltre l’app ”.


Mi raccomando inserite almeno 5 stelle qui sotto e ISCRIVETEVI al mio canale Youtube e non dimenticate di venire a commentare nel nostro server Discord, per confrontare le vostre idee con altri giocatori o trovare nuovi amici su eSports Mobile.

Grazie per aver letto e attiva le notifiche di eSports Mobile in modo da poter rimanere aggiornato con le ultime notizie, suggerimenti, guide e altro sul Mobile Gaming Competitive!

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.